mercoledì 16 maggio 2018

Biblioteca degli Alberi a Milano

  • TERRITORIO
  • Milano
  • Milano avrà la sua Biblioteca degli Alberi, oasi verde nel cuore della metropoli 
  • Nasce all'ombra del Bosco Verticale il polmone verde della città di Milano, a ottobre l'apertura al pubblico in attesa della fiorituraBosco Verticale Milano Biblioteca degli AlberiUn parco progettato all’insegna dell’ecosostenibilità, con giardini tematici, prati e foreste pensati per realizzare oasi di relax e accoglienti spazi per l’attività all’aria aperta. La Biblioteca degli Alberi diventerà a breve il polmone della città di Milano, un fiore verde all’occhiello del capoluogo milanese.

    90 mila piante, 45 mila tra boccioli e corolle, un immenso parco racchiuso in uno spazio di quasi 10 ettari che andranno a formare una vera e propria biblioteca di fusti e ceppi, uno spazio dove sarà presente un raccordo urbano, un campus culturale e un giardino botanico.
    Per veder germogliare l’idea virtuosa bisognerà attendere ancora qualche mese, almeno l’arrivo di ottobre in modo tale da consentire ai semi e fusti piantati di crescere rigogliosa mente, il tutto all’ombra del bosco verticale, l’edificio residenziale sostenibile che è al cen- tro del progetto di riforestazione metropolitana e che vede Milano all’avanguardia in Italia.
    Nel giro di pochi anni la città meneghina è destinata a diventare una delle metropoli euro- pee con la maggiore concertazione di verde urbano, un’evoluzione virtuosa che muterà l’aspetto della capitale finanziaria d’Italia.
    La Biblioteca degli Alberi non è altro che un’evoluzione del parco pubblico che raccoglie idee e suggestioni del giardino botanico per declinarle secondo un modo nuovo di conce -pire gli spazi verdi. I sentieri alberati verranno suddivisi in tre zone: la più grande abbrac cia gli spazi racchiusi tra Melchiorre Gioia, Via Pirelli e Via de Castillia. 
    L’altra zona invece è stata realizzata al di sopra del parcheggio sotterraneo di Piazza Luigi Einaudi e infine la terza tra Viale della Liberazione fino a Piazza San Gioachino.
    Con i suoi spazi pubblici, le numerose infrastrutture che entreranno a pieno regime entro il prossimo autunno, le numerose architetture verticali che richiamano lo sviluppo dei fusti verso l’alto e i diversi quartieri circostanti, l’area pedonale avvolta nel verde che si verrà a creare nel cuore pulsante di Milano, potrà contare su 5 chilometri di piste ciclabili e centi -naia di metri di percorsi che avvolgeranno, capillarmente, uno dei parchi più innovativi e attesi d’Europa.